Con l’arrivo della stagione fredda tornano a riaccendersi i riscaldamenti per la stagione 2013-2014 in tutta Italia. La data di accensione contrariamente a quanto si pensa non è libera (solo in alcune zone della Provincia di Belluno, Bolzano, Biella, Cuneo, Novara e altre che si trovano nella parte Alpina ed Appeninica), ma è regolata dal D.P.R. numero 412 del 1993.

L’Italia è divisa in sei fasce di appartenenza climatica, dalla A (la più calda) alla F, la più fredda.


A seconda dell’ appartenenza del proprio comune i riscaldamenti si possono accendere con questi limiti ed in queste date:
 
  •   fascia A: dal primo dicembre 2013 al 15 marzo 2014 per 6 ore giornaliere
  •   fascia B: dal primo dicembre 2013 al 31 marzo 2014 per 8 ore giornaliere
  •   fascia C: dal 15 novembre 2013 al 31 marzo 2014 per 10 ore giornaliere
  •   fascia D: dal primo novembre 2012 al 15 aprile 2014 per 12 ore giornaliere
  •   fascia E: dal 15 ottobre 2012 al 15 aprile 2014 per 14 ore giornaliere
  •   fascia F: ILLIMITATO
Alla fascia E appartengono i Comuni di Milano, Torino, Venezia, alla fascia D Firenze e Roma, alla fascia C Napoli e Bari, alla fascia B Catania e Palermo. Ovviamente per i riscaldamenti autonomi sarà difficile un controllo sul rispetto delle fasce, ma in caso di accertamenti, si richiano delle multe. Per controllare la fascia di appartenenza del proprio Comune potete visitare il sito di Confedilizia.

Torna alla lista        Stampa